Ai poster l’ardua sentenza

Napoleone sulle Alpi

Il Primo Console supera le Alpi al Gran San Bernardo, Jacques-Louis David, 1800

E in effetti di poster che raffigurano Napoleone Bonaparte ce ne sono parecchi… Anche se nella versione originale sono dipinti a mano, incorniciati e più correttamente vengono chiamati quadri.

Con questo giudizio sospeso (che è diventato modo di dire d’uso comune, almeno per chi non ha capito che in realtà l’ardua sentenza è lasciata ai posteri) Alessandro Manzoni glissa sull’argomento politico, militare e in generale su “la più vasta orma sulla terra” che il generale/imperatore francese ci ha lasciato. In effetti non era mai stato un suo fan, contrariamente a molti suoi contemporanei che lo invocavano come un liberatore, salvo poi rendersi conto che non era poi così diverso da tutti gli altri monarchi, almeno fuori dal campo di battaglia.

La terra che ne accoglie la spoglia “immobile, dato il mortal sospiro” e “immemore orba di tanto spiro” è la stessa su cui è stato versato il sangue di migliaia di uomini che combatterono per forgiarne il destino. Nel 1821 c’era chi lo piangeva e chi stava ancora piangendo quanti invece morirono combattendo, per lui o contro di lui.

Anche il fondatore ufficiale del Romanticismo francese se lo domandava: “L’avvenire si chiederà se quest’uomo è stato più colpevole per il male che ha fatto, che per il bene che avrebbe potuto fare e non ha fatto”.  Ma non era ancora un postero, e diciamo che un’opinione sembrava già averla…

Dunque, dopo quasi due secoli che sentenza danno i posteri?

Uno dei più celebri critici d’arte italiani ha un punto di vista singolare: “Meno male c’è stato Napoleone che ha portato via un bel po’ di opere d’arte, sennò qui distruggevano pure quelle che stanno al Louvre”.

Ma come nasce l’imperatore Bonaparte? Il giovane Napoleone si arruolò come artigliere con spiccate doti di comando ma scarsa attitudine alla matematica e alla fisica delle traiettorie; di famiglia povera e indole rivoluzionaria, era una persona ricca di sogni e con buone capacità di realizzarle… Gli serviva solo l’opportunità di dimostrare il suo valore. La classica botta di culo arrivò quando il suo superiore e capo battaglione Dumartin venne ferito gravemente a Tolone, e poichè per caso il 24enne Bonaparte si trovava al quartier generale e indossava le mostrine da artigliere, venne scelto per sostituirlo.

Nel giro di poche settimane raggruppò tutti i pezzi di artiglieria che venivano utilizzati principalmente per accompagnare la fanteria, riunendoli in batteria e sistemandoli su un’altura, per puntarli verso il mare dove le navi inglesi stringevano d’assedio la città. Nessuno l’aveva mai fatto prima, perchè è difficilissimo stimare le distanze sul mare. Beh, il nostro giovane ufficiale fresco di nomina non colpì effettivamente una sola nave, ma gli inglesi si ritrovarono sotto una pioggia di cannonate e tagliarono la corda prima di venire affondati da un fuoco di sbarramento cui non era possibile rispondere.

Questo aneddoto aiuta sia a capire il soggetto di cui si parla, sia a farsi un’idea di come l’aiuto del destino possa fare la differenza tra un brillante ufficiale di artiglieria e uno dei generali più anticonvenzionali e geniali che la Storia ricordi.

Come postero non ho sentenze da lasciare, e non mi interessa nemmeno la conversione cristiana di Napoleone avvenuta negli ultimi anni della sua vita, che colpì Manzoni al punto da fargli comporre quasi di getto la celeberrima ode che mai aveva pensato di dedicargli quando era in vita.

Io mi stupisco semmai di come tutte le grandi figure storiche lasciarono sempre dietro di loro uno stato di turbamento tale da non essere possibile, per i loro contemporanei, dare giudizi oggettivi. La passione anche (o forse soprattutto) negli intellettuali era evidentemente così forte da dividere sempre e comunque l’opinione tra pro e contro, costringendo chiunque si volesse esprimere a schierarsi. Pur non volendo io stesso schierare la mia voce, così come fece il Manzoni, cerco la stessa passione intorno a me, oggi.

Forse sono cambiati i tempi, ma da quel che vedo l’impegno politico e sociale mi sembra si sia decisamente avvizzito con il passare dei secoli. Non credo vorrei vivere a quei tempi, quando rivoluzioni e guerre si rincorrevano nella totale instabilità. Ma la partecipazione alla vita sociale è fondamentale per la vivacità e il funzionamento della politica. Sbagliando magari, ma imparando dagli errori. La passività e la rassegnazione con cui dobbiamo fare i conti sono il peggior nemico dei concetti di liberté, égalité, fraternité che ci ha donato la rivoluzione francese, e che tutte le moderne nazioni democratiche hanno fatto propri nella loro costituzione.

Annunci
  1. bellissimo post come sempre 🙂 hai un modo di esprimerti bello, piacevole e particolare! Complimenti!

    • oddio il mio modo di esprimermi di oggi non so come sia… stanotte ho dormito 2 ore e sono completamente rinco… Infatti ho corretto errori di battitura e refusi fino a 2 minuti fa!! XD
      Comunque grazie, ma credo di avere uno stile molto soggettivo dato che spesso ho ricevuto critiche per il mio modo di scrivere… 😦

  2. Eroi ai nostri tempi, nel bene o nel male, non ce ne sono proprio più. E non parlo solo di grandi condottieri come Napoleone, Cesare o Alessandro Magno, ma proprio di persone capaci di lasciare un segno.
    Chi è stato l’ultimo? Gandhi?
    Forse uno dei pochi “recenti” per il quale si può ancora lasciare ai “posteri l’ardua sentenza”, è Che Guevara (credo).. ma anche lì è passata una vita ormai.

    Ad ogni modo, buon post anche stavolta! Ad maiora 🙂

    • Sì, direi che l’ultimo è stato proprio Gandhi… Anche se qualcuno considera Giovanni Paolo II più o meno allo stesso livello. Ma è prestino per poterlo dire, bisogna proprio aspettare i posteri.
      Personalmente penso che grossa responsabilità sia da attribuire all’informazione di massa che appiattisce tutto, glorificando per meriti discutibili e cercando sempre di affossare chi invece le carte in regola potrebbe averle.
      Grazie per l’apprezzamento, questo ho sudato per scriverlo entro oggi!! XD

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: