Lacrime e sangue. Mai blu.

Stipendio medio annuo dei Parlamentari in Europa

"Caro" Onorevole...

La responsabilità delle nostre scelte, si paga. Abbiamo scelto per i nostri rappresentanti uno stipendio doppio rispetto alla media europea. Abbiamo scelto di rifinanziare le missioni in Afghanistan. Abbiamo scelto di non risolvere i problemi economici del nostro Paese.

Abbiamo scelto questo, abbiamo scelto chi ha scelto per noi, o abbiamo scelto di non scegliere. Per cui, come succede con l’8×1000, qualcun altro ha scelto in nostra vece. Non fa differenza.

I parlamentari italiani devono per forza ricevere più soldi degli altri, perchè sono più inclini ad essere corrotti. Si spera che 144mila euro all’anno siano sufficienti per campare. Si spera. Ma cosa si sa? Si sa che l’avidità non si accontenta. Mai. Si sa che più si prende e più si chiede, quindi anche per corrompere un parlamentare italiano evidentemente serve di più che per uno spagnolo. Ovviamente, i soldi che vengono usati per favori, bustarelle et similia vengono dalle stesse tasche da cui vengono quelli per lo stipendio.

Questi simpatici personaggi hanno recentemente avvallato la spesa di 51 milioni di euro al mese e qualcuno in più dal mese prossimo, quando verranno inviati altri mille militari in questa missione di “pace“. Non inviamo ingegneri, geologi, medici (quelli poi no, anzi se già ci sono cerchiamo di farli rientrare) o altri civili per aiutare il governo afghano a ricostruire un paese distrutto da anni di missioni di pace. No: mandiamo militari, mezzi corazzati, bombardieri e armi. Si vis pace, para bellum? Certo, l’insegnamento è nostrano: Cesare è roba di casa. Ma che non ci prendano per il culo raccontando che un blindato con militari armati è un segno di pace. Poi ne muoiono venticinque e diventano eroi. Ma quelli che li amavano aspettavano il ritorno di un soldato vivo; di un eroe morto che se ne fanno?

Facciamo un paio di ipotesi… Se vi mandassero un paio di uomini armati dentro casa in missione di pace, voi come la prendereste? Metti magari che questi non sappiano distinguere un obiettivo fotografico da un lanciarazzi, e facciano fuori a fucilate un paio di vostri amici. Non vi incazzereste neanche un tantinello?

Già che siamo in tema di ipotesi, mettete il caso di avere una famiglia abbastanza numerosa, diciamo una dozzina di persone. Qualcuno dei vostri fratelli ha un lavoro fisso, un ottimo introito, e pochissimi debiti. Voi invece portate a casa pochi soldi, ma vi trovate con una marea di debiti. Ovviamente non ci pensate nemmeno a risparmiare qualcosa per coprire i debiti, no… Continuate a viaggiare sull’orlo del precipizio perchè tanto se mai andaste nei casini c’è chi vi parerebbe il culo. Poi, improvvisamente, vostro fratello minore perde il lavoro e pur avendo meno debiti di voi, non sa come ripagarli. E’ nella merda fino al collo. Siete costretti a dargli una mano o nessuno si fiderà più dei componenti della vostra famiglia, ma con quali soldi? Il vostro capo è esasperato perchè come lavoratori fate schifo e anche lui naviga in pessime acque, ma dovete chiedergli un aumento. Che fate? Ovvio: gli andate a raccontare che spenderete il 5% in meno per le troie, scegliendo magari le nordafricane invece dei costosi trans, e con la vostra migliore faccia di … bronzo, chiedete quell’aumento!! Per la precisione un aumento di 25 miliardi in 2 anni, più probabilmente 60 miliardi in 3 anni. Tanto il vostro capo, grandissimo idiota, per quei 3 anni vi ha appena rinnovato il contratto

Annunci
  1. Sante parole!! È una situazione ridicola e frustrante, per me. Dover vedere e sapere di queste ingiustizie e poter fare ben poco. Il peggio è che ci illudiamo ancora che esistano la destra e la sinistra e che, a seconda delle preferenze, l’una sia meglio dell’altra; in realtà aveva perfettamente ragione Gaber “Che cos’è la destra? Cos’è la sinistra?”: sono tutti sullo stesso squallido livello!!!! Non c’è distinzione! Tutti loro pensano alle loro tasche e noi poveri “plebei” non dormiamo la notte per capire come poter mangiare domani.

    • siamo un paese ambidestro (o ambisinistro, nel senso che nessuna delle 2 parti è in grado di fare granchè) in cui gli accordi bipartisan sono state le peggiori porcate a memoria d’uomo (l’indulto su tutti) e in generale entrambe lottano per mantenere lo status quo. Vivo in un paese di sinistra, una provincia di sinistra, una regione di sinistra e una nazione di destra, non è qualunquismo dire che non fa nessuna differenza.

  2. mamma mia mi vengono i brividi a leggere queste cifre O_O che VERGNOGNA!

    • a me andrebbe anche bene pagarli tanto… se mi facessero spendere meno per altre cose!! Ma così è solo una presa per il culo doppia… O al quadrato.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: