Uniquique suum

Berlusconi controlla il suoA ciascuno il suo. No, non mi sono convertito all’Osservatore Romano (ci mancherebbe) che da 150 anni usa questo incipit, ma voleva essere un invito a fare ognuno il proprio mestiere e prendersi ciascuno le proprie responsabilità.

Nel giorno in cui Santoro annuncia di lasciare la Rai, con tutte le polemiche sulla buonuscita, sul mobbing et cetera (proseguendo con il mio latinorum) sospendo ogni giudizio a riguardo fino alle dichiarazioni ufficiali, e mi occupo di altro. NB: C’è un bel giro di numeri, quindi abbandonate ogni speranza voi che entrate.

Oggi avevo un po’ di tempo da perdere, e ho rispolverato le mie nozioni di economia guardandomi sul sito della ragioneria di stato le previsioni di bilancio perché ero veramente curioso di verificare le parole del Ministro dell’Economia Tremonti, il quale prima ha affermato che “il nostro sistema di previdenza è il più solido d’Europa” e poi che i nuovi tagli colpiranno soprattutto gli evasori e i falsi invalidi. Ora, a parte che i falsi invalidi si avvalgono appunto del nostro solidissimo sistema di previdenza (che sborsa 16 miliardi di euro l’anno per le pensioni di invalidità, con incidenza maggore al sud) che spesso viene usato come misura clientelare per comprare voti, è comunque dal 2003 (per la precisione il 26/6/2003, sul Sole 24 ore) che con cadenza annuale continuano ad incolpare i falsi invalidi delle condizioni in cui versa l’economia Italiana. Ogni anno le stesse dichiarazioni roboanti contro i truffaldini che si fingono ciechi ma fanno i tassisti. Nonostante questo, ogni anno il numero di pensioni di invalidità aumenta del 4-5-6% e abbiamo superato quota 2 milioni e mezzo.

Secondo il bilancio ufficiale, la previdenza sociale pesa sul bilancio per 57 miliardi e mezzo di euro. Trovo quindi complicato rosicchiarne 27, cioè quasi la metà. Il debito pubblico invece pesa per 276 miliardi di euro, che sono quasi 5 volte tanto. Abbiamo più debiti della Grecia, anche in rapporto al Prodotto Interno Lordo: il 115,8%. Significa che anche se tutti i soldi che circolano in un anno per l’Italia venissero usati per pagare questo deficit, ne rimarrebbe ancora un bel po’. Ma sfortunatamente è un debito che non possiamo pagare, e anzi aumenta costantemente di anno in anno, mentre il nostro PIL negli ultimi anni è diminuito. Anzi, tra il 2008 e il 2009 il rapporto deficit/PIL ha fatto uno zompo del 10%.

Non possiamo rosicchiare molto dalle pensioni di invalidità, non possiamo pagare il debito, non hanno abolito le province come promesso (altri 17 miliardi che non risparmieremmo ma che la Lega non vuole tagliare) e ci hanno assicurato che non alzeranno le tasse (anche se qualcuna di nuova l’hanno messa, tipo quella sulle memorie che ha fatto lievitare il prezzo di hard disk, chiavette USB, iPod e similari) quindi ‘sti soldi da dove usciranno?

Dai falsi in bilancio, ovviamente. Ufficialmente dagli evasori, dato che si stima vengano sottratti al fisco circa 300 miliardi all’anno (11 volte quello che la manovra prevede di recuperare, e il 60% degli attuali introiti fiscali), ma poiché le stesse stime affermano che l’evasione fiscale è aumentata del 4,6% nei primi mesi del 2010, evidentemente questa lotta agli evasori non funziona meglio di quella ai falsi invalidi. Questo significa 2 cose: la prima, che la maggior parte del peso lo dovranno sopportare gli enti pubblici, i quali ovviamente non fanno beneficenza e quindi li riprenderanno sempre dalle nostre tasche, ma sotto altre forme; la seconda, che i falsi in bilancio necessari a far tornare i conti saranno molto probabilmente proprio quelli della Ragioneria di Stato, che gonfiando un po’ qua e mozzicando un po’ là riuscirà a rimandare ancora un po’ l’inevitabile.

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: