Archivio per novembre 2015

Basta con il buonismo

Si vis pacem...

Si vis pacem…

Basta con il buonismo verso i razzisti. Andrebbero bloccati sul nascere, non lasciati liberi di guidare giornali o partiti politici.

Basta con il buonismo verso gli intolleranti, di qualunque religione o etnia e contro qualunque religione o etnia. Tutti gli uomini sono diversi, e la diversità è una ricchezza. Lo si dice di qualunque cosa: che è “ricca” quando ci sono tante cose diverse.

Basta con il buonismo verso i violenti. Ma qualunque tipo di violenza, dai terroristi ai bombardamenti. La violenza crea paura e odio, fino a travolgere la parte razionale dell’uomo e trasformarlo in un kamikaze.

Basta con il buonismo verso gli ignoranti. Verso chi parla ripetendo cose sentite in giro, senza informarsi, verso chi “poverino non ha potuto studiare”. Perché c’è libertà di opinione ma non di giudizio. Non potete giudicare senza sapere di cosa parlate e non potete capire le conseguenze delle vostre azioni finché non sapete come funzionano le cose. Se non sapete, abbiate semplicemente l’umiltà di tacere.

Basta con il buonismo verso i menefreghisti. Quelli che non gli importa niente di come vada il mondo, basta che stiano a galla. Che non alzerebbero un dito per te, ma che si aspettano che il mondo lo faccia per loro, come se i diritti civili non li avessimo conquistati con il sangue, e non andassero difesi.

Basta con il buonismo verso gli ipocriti. Quelli per cui valgono sempre due pesi e due misure. Perché è vero che ogni realtà è differente, ma esistono principi oggettivi che devono valere per tutti o per nessuno. E non ha senso nemmeno il principio per cui uno sbaglio annulla l’altro: in statistica come nella vita, gli errori si sommano, non si eliminano a vicenda.

E infine basta con il buonismo verso i buonisti. La democrazia e la libertà dipendono dalle regole. Non è paradossale, è naturale: in un mondo senza regole vince il più forte. E queste regole vanno rispettate. Perché gli strappi si allargano, e quando fai uno strappo alle regole non sai mai quali ingiustizie porterà.